sabato 31 luglio 2010

Come abbellire una città.

Il Maestro Claudio Abbado sarebbe ritornato a dirigire l'orchestra del Teatro alla Scala di Milano se la città avesse piantato 90mila nuovi alberi. A quanto pare non si può fare. Non si possono piantare alberi in corso Buenos Aires: sotto c'è la metro. E si sa, gli alberi hanno le radici. Al sindaco Moratti e all'amministrazione comunale consiglio una gita a Praga: per iniziare a rendere più vivibile la città non bisogna necessariamente partire dagli alberi....











martedì 20 luglio 2010

In memoria di Eleonora Chiavarelli Moro, "Noretta". (1916-2010)

"Mia dolcissima Noretta,
credo che questa sia proprio l'ultima. Per ragioni misteriose mi sembra preclusa qualsiasi speranza. Non si sa neppure approssimativamente, che cosa accade, in che si concludano le varie iniziative delle quali una volta si parla. Il Papa non può fare niente neppure dimostrativamente, in questo caso? Perché avevamo tanti amici, a schiere. Non una voce che io sappia, si è levata sin qui. Di voi ho ricevuto la sola lettera del "Giorno", che volevo portare sul petto, così per farmi compagnia, all'atto di morire".
"Bacia e carezza per me tutti, volto per volto, occhi per occhi, capelli per capelli. A ciascuno una mia immensa tenerezza che passa per le tue mani. Sii forte, mia dolcissima, in questa prova assurda e incomprensibile. […] Amore mio, sentimi sempre con te e tienimi stretto.“
"Mentre lasciamo tutto resta l’amore, l’amore grande grande per te e per i nostri frutti di tanta incredibile e impossibile felicità.
Che di tutto resti qualcosa. Ti abbraccio forte, Noretta mia. Morirei felice, se avessi il segno di una vostra presenza. Sono certo che esiste, ma come sarebbe bello vederla.
Tu curati e cerca di essere più tranquilla che puoi. Ci rivedremo. Ci ritroveremo. Ci riameremo. Ho scritto a tutti per Luca, perché siano impegnati per lui. A te debbo dire grazie, infinite grazie, per tutto l’amore che mi hai dato. Amore un po’ geloso che mi faceva innervosire, quando ti vedevo sprofondata in un libro. Ma amore autentico che resterà. Io pregherò per te e tu per me.“

venerdì 9 luglio 2010

Quel perenne vilipendio alla bandiera.





Quel perenne vilipendio alla bandiera italiana che pochi sembrano notare. Milano, Stazione Centrale tutta nuova e sbiancata. Ma se gli interni sono tutti bianchi ripuliti dallo smog, la bandiera italiana esposta all'esterno ha la banda centrale non più bianca.
Costituzione della Repubblica italiana, art 12: "La bandiera della Repubblica è il tricolore italiano: verde, bianco e rosso, a tre bande verticali di eguali dimensioni".
Codice penale, art. 292: "Chiunque vilipende con espressioni ingiuriose la bandiera nazionale o un altro emblema dello Stato è punito con la multa da euro 1.000 a euro 5.000.
Chiunque pubblicamente e intenzionalmente distrugge, disperde, deteriora, rende inservibile o imbratta la bandiera nazionale o un altro emblema dello Stato è punito con la reclusione fino a due anni".